10 modi per bere più acqua

Io ho un serio problema con l’apporto idrico giornaliero di acqua.

Raramente riesco a berne almeno 1,5 L al giorno e medici, parenti o amici mi ricordano continuamente che dovrei bere di più.

Il bello è che sono perfettamente consapevole dell’importanza di introdurne almeno un litro e mezzo al giorno, ne vedo gli effetti quando mi ricordo e le conseguenze quando non lo faccio.

E’ più forte di me, faccio tutto al contrario e sviluppare le buone abitudini per bere mi sembra sempre impossibile.

Un esempio?

Nutrizionisti ed esperti consigliano di bere lontano dai pasti e io cosa faccio? Bevo litri e litri d’acqua mentre mangio, poi passo il pomeriggio senza berne nemmeno un bicchiere.

Ecco, quindi, che con l’arrivo del 2017 ho deciso di aggiungere un altro buon proposito alla mia lista: bere più acqua!

Sono sicura, però, di non essere l’unica con questo problema, perciò ho pensato di condividere con voi i miei trucchetti per bere di più..

 

Ah, non a caso pubblico questo articolo a gennaio: dopo le feste e le grandi abbuffate è necessario depurarsi ed eliminare le scorie in eccesso, soprattutto bevendo tanto.

 

10 modi per bere di più

1. Stabilire precisi momenti in cui bere

I migliori momenti in cui bere acqua sono:

-la mattina, appena alzati;

-prima dei pasti, circa 30 minuti prima di colazione, pranzo e cena;

-prima di fare il bagno o la doccia;

-prima di andare a dormire.

 

2. Bere un bicchiere d’acqua calda appena svegli

Ne avrete sicuramente sentito parlare, tra riviste e consigli medici, bere acqua calda la mattina è un’ottima idea.

Innanzitutto “risveglia” i nostri organi e attiva le funzioni metaboliche (oltre che quelle intestinali), in più dona una sorta di sazietà che ci evita una grossa abbuffata fin dal mattino.

Il trucco è aggiungere alla vostra tazza d’acqua calda il succo di mezzo limone e un cucchiaio di miele: oltre a renderla più bevibile attiverete il sistema circolatorio-linfatico, il metabolismo ed eserciterete una potente azione detox sul vostro organismo.

 

3. Usare una cannuccia

Vi sembrerà strano e per certi versi anche infantile, ma funziona!

Generalmente io bevo acqua frizzante, la trovo più “saporita”, ma per arrivare a 1,5 L al giorno senza la pancia da Babbo Natale devo berla anche naturale.

Per non so quale motivo faccio davvero fatica a berne più di un bicchiere alla volta, ma se utilizzo una cannuccia come “tramite” non me ne accorgo nemmeno.

E’ come se l’acqua risultasse più gradevole.

Provare per credere!

 

4. Utilizzare una bottiglia carina o una borraccia

Senza un chiaro riferimento risulta difficile capire quanta acqua si sia bevuta, ma esistono diverse soluzioni per tenerne conto.

A me basta una borraccia, che io sia in palestra o a lavoro, ma può andare bene anche una bottiglia. Plastica, alluminio o vetro?

Qualsiasi materiale può andare bene, l’importante è che sia da 1 L (va bene anche mezzo litro se 1 L vi spaventa) e che possiate personalizzarla.

Per esempio, potete disegnare tante tacche su essa, così che sappiate a ogni momento quanta acqua manca al “traguardo”.

Un bel nastro, l’immancabile cannuccia e qualche messaggio d’incoraggiamento accanto alle tacche renderanno la vostra acqua più invitante!

 

5. Impostare una sveglia sul cellulare o scaricare un’app

Un bicchiere da 150 mL ogni ora per circa 8 ore di lavoro?

Siamo già a buon punto!

Altri 300 mL di acqua e avrete raggiunto il minimo e, tenendo in considerazione che vi mancano i pasti e le eventuali tisane, potrete anche superarlo!

E’ sufficiente impostare un promemoria sul cellulare o scaricare un’app che ci ricordi di bere ogni ora e il gioco è fatto.

Non sopportate i timer e le musichette dei promemoria? Usate i post-it!

 

6. Per ogni caffè un bicchiere d’acqua

Dato che non bevo caffè questo non è il mio caso, ma per chi non può rinunciarvi una buona idea è bere un bicchiere di acqua subito dopo, che siate al bar o a casa.

Se volete vi rimanga il sapore di caffè in bocca potete sempre conservarne un ultimo goccio da bere dopo l’acqua.

 

7. Aromatizzarla con frutta, erbe o spezie

Scorze d’arancia e cannella, limone e timo, pesche e basilico sono solo alcune possibili combinazioni per aromatizzare la vostra acqua.

Vi chiedete quale sia l’utilità nel farla aromatizzata?

Prima di tutto gli aromi scelti rendono più “gradevole” l’acqua, specie nei casi in cui i minerali in essa contenuti le conferiscano sapore. In più se aggiungete frutta, verdura, spezie ed erbe aromatiche essa sarà arricchita da preziosi minerali e vitamine: ciò significa che aumenterete i vostri livelli nutrizionali e andrete ad aiutare l’organismo a depurarsi. Sì, perchè la maggior parte degli elementi sopra citati svolge funzioni depurative, detossinanti e via così.

La mia “ricetta” preferita prevede lamponi e menta: i primi contribuiscono ad accelerare il metabolismo, mentre le foglie di menta svolgono una funzione digestiva e detossinante.

In più, aggiungo una variante con lime e basilico. 

 

INGREDIENTI

1 L di acqua

100 g di lamponi freschi/Un lime

10 foglie di menta/10 foglie di basilico

 

8. Berne un bicchiere ogni volta che si va in bagno

Non per una questione di idratazione, ma poichè per andare in bagno è necessario alzarsi o spostarsi dal luogo in cui si è.

Allora perchè non fermarsi in cucina o dal boccione dell’acqua per berne un po’?

Lo stesso vale se vi alzate dal divano per prendere qualcosa, se andate ad aprire la porta o se volete fare uno spuntino.

 

9. Abituarsi a bere una tazza di camomilla o tisana prima di addormentarsi

Siccome bisogna comunque bere acqua prima di andare a dormire, cosa ne dite di renderla un po’ più piacevole?

Questa idea risulta particolarmente buona quando si è in casa, magari assieme alla famiglia, sul divano.

Qualcuno sceglie il film, qualcuno prepara i pop corn e voi mettete a bollire l’acqua per tisane e camomilla.

Oltre a scaldarvi nella stagione più fredda e a creare una bella atmosfera conviviale in casa, tisane e camomilla conciliano il sonno, perciò sono particolarmente indicate per chi fatica ad addormentarsi.

 

10. Bere succhi di frutta, frullati e centrifugati

La premessa è sempre che non si deve esagerare, a maggior ragione se si sta seguendo una dieta.

Seguendo, però, alcuni piccoli accorgimenti possiamo tranquillamente integrare l’acqua attraverso le bevande.

Ora che siamo in inverno le arance abbondano, perciò perchè non cominciare la giornata con una bella spremuta fatta in casa?

E per merenda nessuno ci vieta di bere un bel succo di frutta, meglio se poco zuccherato (prediligete quelli che sull’etichetta riportano basse percentuali di zucchero oppure diciture come “senza zuccheri aggiunti”).

Per quanto riguarda le bevande zuccherine e gasate è bene limitarle e, se proprio volete berle, accompagnatele con almeno un bicchiere di acqua. Ovvero per ogni bicchiere di bevanda zuccherina gasate bevetene altrettanti d’acqua.

Potete introdurre una grande quantità d’acqua bevendo frullati, centrifugati o estratti di frutta e verdura, così combinerete l’acqua “libera” con quella contenuta negli ortaggi.

Detto questo, vado a preparare la borraccia per la palestra, tra un esercizio e l’altro riesco a berne davvero tanta 😉

Sul blog trovate tantissime ricette per bere acqua attraverso le bevande, consultate la sezione da bere!

Se sei finito qua sul mio blog c’è sicuramente un buon motivo 😀

Il tuo sostegno è prezioso per Magna e Tes, perciò, se ti va, seguici sui Social e condividi i nostri articoli.

Puoi trovarci su Instagram, su Facebook , su Youtube, Pinterest e anche Google+. Dai un’occhiata e unisciti a noi!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle nostre ricette, sulle nostre guide di viaggio e in generale su ciò che combiniamo, iscriviti alla Newsletter di Magna e Tes. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

More from Carlotta

Barozzi: Palazzo, Scala o torta?!

Qualche settimana fa, approfittando di una capatina a casa dei miei nonni,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *