Calamari fritti e foglie di menta in cartoccio

Giugno, giugno, giugno: che mese meraviglioso!

A metà tra primavera ed estate, a metà tra piogge infinite e giornate di sole e caldo. La stagione perfetta per cominciare con le gite fuori porta, soprattutto quelle al mare. L’aria e la temperatura dell’acqua lasciano ancora qualche dubbio sull’inizio dei weekend in spiaggia, ma di certo non danno scampo alle abbuffate nei ristoranti in Riviera. 

Quanto vorrei essere a casa per guidare fino a Milano Marittima o Rimini e godermi un bel fritto misto. Alla fine, però, sto bene anche qua in Australia ma siccome non c’è fritto misto, solo gran fish and chips, stavolta ci penso io!

La mia parte preferita del fritto sono i calamari, allora via di calamari fritti con foglie di menta. 

 

Calamari fritti e foglie di menta

calamari fritti

INGREDIENTI -per due persone-

Tre calamari freschi puliti

Farina di riso q.b. -oppure farina-

10 foglie di menta -va bene anche il basilico-

Sale q.b.

Olio di arachidi q.b.

 

PROCEDIMENTO

Per preparare questo fritto vi servirà davvero poco tempo, basta organizzarsi al meglio la postazione di lavoro.

Vi servirà una ciotola per la farina, un setaccio, la pentola a 3/4 di olio di arachidi e un vassoio con carta assorbente per scolare il fritto. In più, una ramina/ragno o delle pinze da cucina per togliere gli anelli dal fuoco.

Cominciate tagliando i calamari in anelli di circa 1 cm di spessore e metteteli a scolare in uno scola pasta. Questo passaggio ci permetterà di asciugarli dall’acqua in eccesso  e far aderire bene la farina. 

Scaldate l’olio e non appena avrà raggiunto i 150°C friggete le foglie di menta. E’ necessario friggere a temperatura più bassa del normale (180°C circa) perchè le erbe aromatiche sono delicate, basta un attimo per bruciarle. Saranno sufficienti 10 secondi, girandole almeno una volta, e potrete scolarle.

Dovranno solo ‘asciugarsi’, ovvero perdere l’acqua che contengono, così da diventare belle croccanti. 

Il fatto di friggerle prima dei calamari, oltre a questioni di temperatura, serve a profumare leggermente l’olio e a evitare che la frittura abbia odori sgradevoli. 

Ora è il turno dei calamari: dopo averli scolati passateli nella ciotola con la farina di riso, mescolando affinchè siano completamente coperti. Utilizzando il setaccio togliete la farina in eccesso dai calamari, così sporcherete il meno possibile l’olio.

La farina avanzata nella ciotola potrà tranquillamente essere riutilizzata, basterà setacciarla un paio di volte e metterla in un sacchetto. 

Tuffate i calamari nell’olio a circa 170-180°C e teneteli mescolati, serviranno circa 3 minuti per friggerli al meglio. 

Una volta che avranno raggiunto un colore dorato potrete scolarli sulla carta assorbente, salarli e lasciarli riposare per circa un minuto.

Nel frattempo potete preparare qualche fetta di limone e il cartoccio con un sacchetto di carta. Riempitelo coi calamari fritti e le foglie di menta, poi portate subito a tavola: il fritto è buono appena fatto!

Se cercate qualche altro piatto salato o contorno da abbinare a questi calamari, potete sfogliare il ricettario salato, sono sicura troverete idee interessanti!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*