La Spagna: gazpacho e paella alla valenciana

Stamattina sono salita mentalmente su un aereo diretto in Spagna, ho visitato i luoghi più tipici e bussato alla porta di tante famiglie per carpire al meglio i loro segreti in cucina. Una volta tornata a casa ho pensato al menù da realizzare e ad alcune ricette da proporvi. 

Ecco il risultato:

Gazpacho

DSC00844

 

Paella alla valenciana

paella

 

INGREDIENTI

Per il gazpacho

1 pomodoro ramato

1 peperone rosso

1 cetriolo

1 spicchio d’aglio

Olio evo, sale, pepe q.b.

Aceto di vino q.b.

Pane raffermo

 

Per la paella alla valenciana

200 g di riso “bomba” -se non lo trovate va bene il Roma o Pilaf-

1 peperone

2 pomodori ramati

1 spicchio d’aglio

2 petti di pollo

1/2 coniglio disossato

6 taccole

100 g di fagioloni bianchi

Pistilli di zafferano

Olio evo, sale e pepe q.b.

 

PROCEDIMENTO

Per il gazpacho

Mettete nel frullatore il pomodoro, il peperone, il cetriolo e lo spicchio d’aglio; a parte ammollate del pane raffermo con acqua e un bicchierino di aceto di vino. Quando il pane sarà ben imbibito unitelo alle verdure e frullate tutto assieme; regolate di sale e di pepe, aggiungete un filo d’olio extra vergine d’oliva e servite con crostini di pane oppure verdure.

Freddo o caldo che sia il gazpacho si presta sempre molto bene come antipasto!

 

Per la paella alla valenciana

Nella apposita paellera -oppure in una casseruola dai bordi bassi- fate rosolare il coniglio e il pollo a pezzi con un filo d’olio; unite l’aglio, il peperone a quadretti, le taccole tagliate a losanghe, i fagioloni e i pomodori anch’essi a pezzetti. Fate rosolare carne e verdura, poi aggiungete il riso e bagnatelo con del brodo, vegetale o di carne, fino a coprirlo. Unite anche i pistilli di zafferano, quanto basta a dare un bel colore giallo al riso. Fate cuocere il riso dapprima a fuoco basso poi a fuoco alto fino al completo assorbimento dei liquidi; assaggiate la paella e regolate il sapore con sale, pepe e peperoncino.

La ricetta originale prevede che il riso sia quasi “croccante” ovvero che dopo aver assorbito il brodo di cottura venga rosolato in padella fino a formare una crosticina.

 

Per altre ricette della cucina internazionale guardate qua: Il ricettario di Magna e Tes.

Written By
More from Carlotta

Pudding alle arance

 Anche oggi mi sono fatta prendere la mano dal mio spirito natalizio,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *