Minestra di farro, asparagi e pecorino

Giusto ieri parlavo di piatti caldi per affrontare queste fredde giornate e oggi mi trovo qua a riproporvi una minestra, stavolta per fronteggiare ciò che il freddo spesso comporta: l’influenza!

Ebbene sì, mi ammalo anche io a volte e quando capita lo faccio per bene! 
Da ieri notte sono costretta a letto a causa della mia simpatica compagna invernale, la faringo-tonsillite, motivo per cui ora vi insegnerò a preparare un’altra ricetta che faccia guarire sia me che voi. Io vi do la ricetta, poi aspetto che qualcuno di voi la provi e mi faccia sentire se è venuta bene!!

INGREDIENTI (per 2 persone)

160 g di farro perlato
Un mazzetto di asparagi
Olio evo, sale
Pecorino toscano stagionato
Sedano bianco
1 cipolla bianca

PROCEDIMENTO

Lavate gli asparagi e piegateli per dividere la parte buona da quella di gambo fibrosa: utilizzate la seconda assieme a gambi di sedano (magari quelli molli che rimangono in frigo per settimane) e una mezza cipolla per preparare un brodo vegetale. Aromatizzatelo a piacere con timo e alloro e fate cuocere per una quarantina di minuti.
Tritate finemente il resto della cipolla cipolla e fatela rosolare in una pentola con un filo d’olio, unite il farro e tostatelo per qualche minuto. Coprite il farro con il brodo vegetale poi aggiungete poco sale (ricordate che il pecorino darà molto sapore alla zuppa!). 
Nel frattempo tagliate il gambo degli asparagi in rondelle sottili e dividete le punte a metà.
Verso fine cottura, circa 10 minuti prima che il farro sia pronto, unite le rondelle di asparagi e le punte alla zuppa, terminate la cottura e mantecatela con abbondante pecorino grattugiato e pepe a piacere.

Purtroppo non posso assicurarvi che l’influenza passerà dopo aver mangiato la mia minestra, ma sicuramente la vostra pancia e la vostra gola ne gioveranno! 
Io aspetto che me ne portiate un piatto eh!

Written By
More from Carlotta

Panna cotta con salsa ai frutti di bosco

Prima che questa specie di uragano spazzi via me e la mia...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *