5 cose da fare a Modena secondo una modenese DOC

Nell’ultimo anno Magna e Tes come blog ha subito tante trasformazioni: dalla grafica agli articoli pubblicati abbiamo aggiunto tanti piccoli, e importanti, tasselli.

Al nostro staff si sono aggiunte diverse persone, ognuna delle quali ha lasciato un segno importante sul blog e nelle nostre giornate. Una tra queste persone è Stefania di My Modena Diary, ve la ricordate, vero?!

Probabilmente, avrete già capito da questa introduzione che si parlerà di Modena! In effetti non sbagliate.. Oggi Stefania ha deciso di raccontarci alcune cose da fare nella nostra bella città. Piccoli momenti da trascorrere in alcuni dei luoghi più significativi della città, insomma.

Cosa aspettate a leggerli?! A fine lettura vogliamo sapere quante di queste cose avete già fatto! Comincio io dicendovi che me ne manca una (che non svelo ora per non rovinarvi la lettura)..

 

Da fare a Modena: 5 consigli di una modenese

Quando Carlotta mi ha chiesto di scrivere di Modena sul suo blog mi ha fatto davvero piacere. Prima di tutto perché Carlotta è proprio “una giusta” che mi ha subito colpito per la sua storia, l’attività che svolge e la determinazione e impegno (oltre alla disarmante naturalezza) che ci mette nel farlo. Secondo, perché parlare di Modena mi piace molto e tengo nel cassetto il sogno di farla conoscere e apprezzare a più persone possibili.

Inoltre, collaborare con gli altri mi dà molta soddisfazione, credo che sia la chiave giusta per arricchirsi di esperienze positive. Spero che questi primi 5 consigli vi possano essere utili per immergervi nella “modenesità” più vera!

 

E allora eccomi qua! Ma… da dove comincio?
Ci ho ragionato su un bel po’, non riuscendo a decidere quale articolo fosse più adatto per cominciare, poi ho pensato che probabilmente dare qualche consiglio su cosa fare in città fosse la strada migliore per iniziare questo viaggio insieme.
Quindi, pensatemi un po’ come alla vostra amica di Modena cui poter chiedere qualche dritta speciale.

Di solito i pareri degli amici sono quelli che ascoltiamo di più sia che non conosciamo un argomento, sia che lo conosciamo ma vogliamo avere anche un altro punto di vista.
Che voi siate modenesi o turisti in visita nella splendida Modena ecco 5 cose che mi sento di consigliarvi di fare per conoscere meglio la città e comprenderne l’anima.
Sono 5 cose, tra le più diverse, che io amo fare. Ovviamente ce ne sono tante altre, ma queste sono le prime che mi sono venute in mente o perché sono diventate parte di me o perché ho fatto di recente, rimanendone positivamente colpita.

1. Sedetevi sui gradini della Porta Regia del Duomo di Modena

Il Duomo di Modena è un patrimonio inestimabile per la città, ma non solo: riconosciuto dall’UNESCO tra i monumenti Patrimonio Mondiale dell’Umanità, insieme alla Ghirlandina e a Piazza Grande (vi pare poco?!), è un’opera straordinaria che sorprende tutt’oggi per la sua grande originalità.

Tutte le volte che ci passo davanti rimango incantata: mi piacciono i riflessi che i suoi marmi prendono in una giornata di sole. Mi piace fermarmi a contemplare il cuore pulsante della città che batte. Mi piace sedermi accanto ai leoni sui gradini della Porta Regia, quella più grande della facciata laterale, che dà sulla Piazza. Mi riconcilia con il mondo, è un po’ lo stesso effetto che mi fa guardare il mare… e per vivere questa sensazione, questa volta, non devo nemmeno andare troppo lontano 😉

2. Fate la spesa il sabato mattina al Mercato Albinelli

Ormai è diventato quasi il mio rito del sabato mattina: due passi in centro e una fermata al mercato Albinelli, il mercato storico della città. Non è che proprio vado a farci la spesa, diciamo che vado più a farmi travolgere dai sapori, dai colori, dall’atmosfera unica che si respira tra i banchi e soprattutto dalla voglia di farmi ispirare su cosa comprare!

Il mercato Albinelli è un posto speciale che è rimasto un punto di riferimento per la città nel tempo. È il luogo dei valori e della cultura della gastronomia modenese, qui potete trovarci ogni prelibatezza.

 

3. Varcate la soglia di quante più Botteghe Storiche potete!

Che cosa sono? Sono attività commerciali di ogni tipo che si svolgono da più di 50 anni nello stesso locale, quindi che per la maggior parte hanno mantenuto gli stessi arredi o insegne originali e sono significative per la cultura e la tradizione modenese.

Vi anticipo subito che il vintage è una delle mie più grandi passioni ed entrare in luoghi magici come questi mi entusiasma, sarà perché mi sembra di fare un tuffo nel passato, ma anche perché posso toccare con mano una “Modena d’altri tempi”, conoscendone a volte anche i suoi protagonisti.

Ecco allora che non dovete assolutamente perdervi un pasto da Ermes, o da Omer, o dall’Aldina, o da Oreste, o da Giusti, un panino da Schiavoni oppure un caffè alla Torrefazione Messicana o al Caffè dell’Orologio, o ancora un acquisto di prelibatezze alla Drogheria Pedrazzi, vicino al Mercato Albinelli, o alla Pasticceria San Biagio… insomma: visitatene più che potete!

4. Visitate un castello

Forse un po’ insolito come consiglio, mi rendo conto, ma secondo me è una buona idea per conoscere le bellezze del nostro territorio.

Forse non sapete che Modena e la sua provincia sono piene zeppe di castelli, tutti con una storia particolare, ovviamente! L’elenco dei castelli di Modena è lungo e lo potete trovare qui (www.castellidimodena.it).

La Rocca di Vignola è sicuramente tra i miei preferiti, ma ho apprezzato molto anche il Castello di Formigine e mi piacerebbe visitare presto il Castello di Sestola.

 

5. Mangiate modenese

Un tema ampio che però mi sembrava perfetto per l’occasione. Carlotta è una cuoca eccellente, io sono un’ottima forchetta e adoro mangiare tipico modenese. Se potessi, mangerei gnocco fritto e tigelle tutti i giorni 😉

La tradizione gastronomica modenese è unica, tante sono le eccellenze riconosciute nel mondo. Non perdetene nemmeno una, siate curiosi, andate ad assaggiare anche quei piatti che provengono dalle tradizioni più antiche, non ve ne pentirete.

 

Oggi Stefania ci ha parlato di cinque cose da fare a Modena, ma ha ancora tanto da raccontare qui su Magna e Tes. Allora rimanete sintonizzati e se avete qualche curiosità particolare non esitate a chiedere!!

 

Per non perdervi proprio nulla iscrivetevi alla Newsletter!



 

P.S.: Io non ho ancora visitato tutte le Botteghe Storiche citate da Stefania, e pensare che ce ne sono tante altre!

Stefi ci ha consigliato le sue preferite e ci ha dato anche il riferimento dell’elenco delle Botteghe Storiche di Modena, sul sito del Comune.

More from Carlotta

Panettone all’olio d’oliva senza lattosio

Negli ultimi anni ho sviluppato una gran passione per i prodotti lievitati,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *