La cucina araba in tre ingredienti: falafel, pita e tahine

Da brava cuoca mangio un po’ di tutto, a parte qualche eccezione. Logicamente la cucina italiana è la mia preferita, ma mi incuriosiscono molto anche quelle internazionali.

Di fatto, in ogni nuovo viaggio ne approfitto per assaggiare specialità locali e carpirne i segreti così, poi, una volta tornata a casa, posso replicare.

E’ proprio per questo che nella sezione “ricette salate” trovate una rubrica sulle cucine del mondo. Spagna, Grecia, Cina e tante altre. Oggi ci dedichiamo alla cucina araba!

La cucina araba: pita, falafel, tahine

INGREDIENTI

Per la pita

300 g di farina 00

180-200 g di acqua tiepida

Sale q.b.

 

Per i falafel

300 g di ceci cotti

1/2 cipolla bianca 

1/2 spicchio d’aglio

50-60 g di farina 00

Prezzemolo tritato, sale q.b.

Cumino e coriandolo in polvere

Olio di semi q.b.

 

Per la tahine (pasta di sesamo)

50 g di semi di sesamo

10 g di olio di semi


PROCEDIMENTO

Per la pita

Impastate acqua e farina per ottenere un composto omogeneo, soffice ma compatto. Dividetelo in palline (circa 4) e lasciatele lievitare per una mezz’oretta. 
Stendete ciascuna pallina, mettetela su una placca da forno foderata di carta forno o imburrata e cuocete a 200°C per circa 5 minuti, ma controllate la cottura in modo maniacale. Ogni forno è diverso e un minuto può compromettere le vostre pita.

Se avete lavorato bene le pita si gonfieranno e si coloreranno leggermente, così: 


La pita è il pane tradizionale della cucina araba, è un pane azzimo molto buono anche mangiato così, oppure come accompagnamento ai vari tajine, cous cous e via dicendo.

 

Per i falafel

Frullate i ceci, aggiungete prezzemolo tritato, la mezza cipolla e l’aglio tritati finemente, sale, cumino e coriandolo in polvere -le quantità decidetele voi in base ai gusti, vi consiglio comunque di non esagerare- e la farina. Formate delle palline di impasto, passatele leggermente in altra farina e friggetele in olio caldo. Scolate e servite. Io ho farcito una pita con falafel, insalata, pezzi di avocado marinati nel limone e tahine, una vera bontà!!

Per la tahine

Tostate il sesamo per pochi minuti -più tostate più prende sapore, andateci piano perchè di per sè la tahine è abbastanza saporito-, mettetelo in un frullatore e, aggiungendo olio a filo, frullate bene. La “pasta tahine” o tahina è un condimento tipico della cucina araba, funge da ottimo insaporitore per tantissime ricette!

More from Carlotta

Dolcetti di corn flakes e cioccolato: uno tira l’altro

Qualche settimana fa abbiamo preparato assieme la torta di riso soffiato, in...
Read More

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.