Frappe o rosoni? Son tutte chiacchiere

Buondì, in tema carnevalesco oggi si parla di FRAPPE

Le frappe o rosoni sono dolci carnevaleschi tipici dell’Emilia Romagna (in particolare di Modena e Bologna), ma in pratica non sono altro che le bugie in Piemonte e Liguria, i cenci toscani, i crostoli di Ferrara, le chiacchiere nella maggior parte delle regioni e potrei andare avanti ad oltranza.

Questo per farvi capire che la mia ricetta non è legge, nè qua nè tanto meno nel resto d’Italia, esistono miliardi di ricette tutte più o meno giuste! Se vi va di provare avete la mia ricetta (che è quella della Nonna Marisa, una garanzia!), non ve ne pentirete!

INGREDIENTI

500 g di farina 00
2 uova grandi o 3 piccole
10 g di burro morbido
15 g di zucchero a velo + un po’
1 pizzico di sale
20 mL di cognac o sambuca
Succo e scorza di un’arancia
Mandorle o nocciole tritate
Zucchero semolato 
Olio per friggere

PROCEDIMENTO

Disponete la farina su una spianatoia, aggiungete il burro morbido, le uova, lo zucchero a velo, il cognac, la scorza e il succo d’arancia. Lavorate bene il tutto in modo da ottenere un bell’impasto compatto e poco appiccicoso che dovrà riposare per un’oretta. 

Per rendere le frappe ancora più giocose e carnevalesche si possono aggiungere alcune gocce di colorante all’impasto, per esempio verde o rosso. Il risultato sarà più o meno questo.


Trascorsa l’ora dovete stenderlo a sfoglie sottili, un po’ come quelle per la pasta all’uovo, e tagliarle a rettangoli di circa 5×12 cm. Ogni rettangolo deve essere inciso al centro per il senso della lunghezza, quasi a formare una fessura; a questo punto potete friggere le frappe così oppure ripiegare un lembo di pasta all’interno della fessura, una o due volte.

In alternativa potete fare dei fiori oppure qualsiasi altra forma. 
Friggete le frappe in abbondante olio di semi alla temperatura di 170/180° C, scolate su carta assorbente e spolverizzate di zucchero a velo. 
Un altro modo carino e anche molto buono per utilizzare l’impasto delle frappe è quello di preparare delle strisce di sfoglia piuttosto lunghe, cospargerle di zucchero semolato, arrotolarle e friggerle. Sono favolose!

Oppure mai provate le tagliatelle?!

More from Carlotta

Bignè fatti in casa: pasta choux semplice

Perché comprarli se, con questa ricetta, potete preparare degli ottimi bignè fatti...
Read More

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.