Brodo di carne

Oggi sfatiamo qualche mito in merito al tanto amato brodo di carne! Chi lo chiama “fondo di carne” chi brodo, voi chiamatelo come volete. Che abbiate l’influenza o vogliate preparare risotti/consommè o cuocere qualsiasi cosa il brodo è l’ideale. 

E se non foste soddisfatti dopo 2 o 3 piatti potrete buttarvi a capofitto sul lesso che, al contrario di qualsiasi diceria, è buono e leggero.

INGREDIENTI
Ossa e carne di manzo(circa 800 g tra osso col midollo, doppione, geretto)
Ossa e carne avanzata di cappone -facoltativa- oppure di pollo
3 litri di acqua fredda
2 coste di sedano (meglio se avete bucce e “scarti”)
2 carote (meglio se avete bucce e “scarti”)
1 cipolla bionda (meglio se avete bucce e “scarti”)
3 chiodi di garofano
1 mezza foglia di porro
Rosmarino, alloro, prezzemolo
(1 presa di sale)

PROCEDIMENTO

Mettete in una pentola dai bordi molto alti la verdura tagliata a pezzetti e la carne. Preparate un mazzetto aromatico: mettete le erbe aromatiche e i chiodi di garofano dentro alla foglia di porro e chiudete ad involtino legando con lo spago; mettete il mazzetto nella pentola dai bordi alti, aggiungete l’acqua freddaquesto favorisce una prolungata e maggiore estrazione degli aromi della carne e delle verdure– portate a bollore e schiumatetogliete il grasso che sale in superficie con una schiumarola-. 
(Salate, tra parentesi perchè non si dovrebbe salare un brodo, ma ognuno fa poi come vuole!) e fate cuocere a fuoco molto basso per ALMENO 2 o 3 ore schiumando di tanto in tanto. Mi raccomando, il brodo non deve bollire ma SOBBOLLIRE!

Trascorso questo tempo dovete sgrassare il brodo aiutandovi con un apposita caraffa oppure facendolo raffreddare in frigorifero e rimuovendo la patina di grasso che si formerà in superficie. 
Potete usare il brodo di carne subito o conservarlo in freezer dentro a delle bottiglie di plastica oppure surgelato in blocchi. 

Written By
More from Carlotta

Uovo in raviolo dello chef Valentino Marcattilii

La ricetta di oggi è davvero speciale, non è semplicissima ma con un po’...
Read More