Panettone artigianale

L’avevo promesso a qualcuno quindi eccomi con la ricetta del PANETTONE!! Mettetevi all’opera ora, il vostro panettone sarà freschissimo per il giorno di Natale!

       


INGREDIENTI (per 3/4 panettoni)

Per i rinfreschi (in totale)

50 g di lievito madre attivo

300 g di farina forte -350 W-

150 g di acqua

 

Per il primo impasto
175 g di lievito madre
465 g di farina 330 W
115 g di zucchero semolato
145 g di burro
150 g di acqua
130 g di tuorli 

Per il secondo impasto

115 g di farina 330 W
100 g di zucchero semolato
70 g di miele
Scorza d’arancia e limone

6 g di sale
150 g di tuorli
175 g di burro
60 g di acqua
200 g di uva sultanina
200 g di arancia candita
100 g di cedro candito

Per la glassa

100 g di farina di mandorle
150 g di zucchero semolato
90 g di albumi
20 g di amido di mais
Mandorle grezze

PROCEDIMENTO

Per i rinfreschi -Giorno 1-
  1. Rinfresco (ore 8.00)

50 g di lievito madre
50 g di farina forte -350 W-
25 g di acqua tiepida

  2. Rinfresco (ore 12.00)

100 g di lievito madre
100 g di farina forte -350 W-
50 g di acqua tiepida

3. Rinfresco (ore 18.00)

150 g di lievito madre
150 g di farina forte -350 W-
75 g di acqua tiepida

Per il primo impasto -giorno 1, ore 22.00-
Dopo aver opportunamente rinfrescato il lievito madre cominciate a impastare in planetaria farina, zucchero e acqua (le dosi del primo impasto).

Dopo circa dieci minuti unite il lievito madre e lavorate il tutto con la planetaria finchè l’impasto sarà incordato -si sarà formata una maglia glutinica che tiene insieme l’impasto e lo rende molto elastico-.

Non dovrà essere lavorato troppo, l’importante è che diventi omogeneo e morbido, non eccessivamente lucido se no significa che ha impastato per troppo tempo.
Infine aggiungete il burro morbido a pezzetti e lasciate che si amalgami bene al resto dell’impasto.

Mettete a lievitare questo primo impasto a 26-28°C -dentro a un forno spento/armadio- per 10-12 ore.

 

Per il secondo impasto -giorno 2, ore 10.00-
Mettete nella planetaria il primo impasto con la farina, zucchero, miele e metà tuorli. Dopo circa 10 minuti incorporate i restanti tuorli e il sale sciolto nell’acqua.

Fate incordare bene il tutto, poi unite il burro morbido, un po’ per volta.

Aggiungete, infine, i canditi e l’uvetta ben reidratata.
Trasferite tutto su un piano imburrato e fate puntare all’aria per circa 40 minuti.

Pesate l’impasto e dividetelo nelle pezzature scelte (500, 1000 g…), pirlatele piegatele su sè stesse per renderle perfettamente tonde e lisce- e trasferitele negli stampi.

Lasciate lievitare finchè l’impasto raggiungerà 3/4 dell’altezza dello stampo. 

A questo punto potete incidere i panettoni a croce e mettere una noce di burro al centro -classico milanese-, oppure coprirli di glassa (frullate assieme farina di mandorle, zucchero, amido e amalgamate con gli albumi). 


Per pezzature di 500g infornate a 175°C per 30 minuti, per quelle da 1000g a 170°C per 50 minuti, poi via così.

Non appena li avrete tolti dal forno “infilzateli” alla base con spiedoni o forchettoni (come faccio io in mancanza d’altro), capovolgeteli e lasciateli sospesi tra due sostegni fino a raffreddamento. Questo procedimento è essenziale affinchè il panettone non crolli su sè stesso!

panettone artigianale

Poi cosa devo dirvi? Mangiatevelo tutto!! 

More from Carlotta

La Val di Non enogastronomica in due giorni

Buon pomeriggio ai curiosi di questa nuova sezione del blog! E buon...
Read More

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.