panini al vapore

Panini al vapore con semi, insoliti ma favolosi!

In cerca di una merenda sana ma consistente, senza troppi grassi, ho trovato un’idea curiosa. La ricetta l’avevo già, ciò a cui non avevo pensato era la cottura! <<Panini al vapore? Mah, che strano.. proviamo!>>.

 

Panini al vapore

panini al vapore

 

Ingredienti -per 20 panini-

500 g di farina 00

350 g di acqua tiepida

10 g di lievito di birra fresco

Un cucchiaio di miele

12 g di sale fino

Semi a piacere -sesamo, chia, lino..-

 

Procedimento

Sciogliete il lievito nell’acqua con il cucchiaio di miele e versate tutto sulla farina. Cominciate a impastare, unite il sale e lavorate bene fino a ottenere una palla omogenea e liscia.

Lasciate lievitare per almeno 3 ore, coperta con un canovaccio, in un luogo caldo. 

Ora dividete l’impasto in palline da circa 50 g di peso e arrotolatele per renderle belle tonde. Lasciate lievitare per altri 30 minuti poi spennellate con latte, uovo sbattuto o acqua e cospargete di semi. 

Disponete i panini nei cestelli della vaporiera, abbastanza distanti tra loro, e fate partire. Servirà circa un’ora per la cottura, ma vi consiglio di controllare l’interno dei panini per verificare meglio.

panini al vapore

Soffici e leggeri, con un gusto a sè stante rispetto a quelli cotti in forno. Questi panini al vapore mi hanno davvero stupito, sono favolosi!

panini al vapore

Se sei finito qua sul mio blog c’è sicuramente un buon motivo 😀

Il tuo sostegno è prezioso per Magna e Tes, perciò, se ti va, seguici sui Social e condividi i nostri articoli. E se hai dubbi o vuoi dirci com’è venuta la ricetta, lascia un commento qui sotto!

Puoi trovarci su Instagram, su Facebook , su Youtube, Twitter e Pinterest. Dai un’occhiata e unisciti a noi!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle nostre ricette, sulle nostre guide di viaggio e in generale su ciò che combiniamo, iscriviti alla Newsletter di Magna e Tes. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.