pesce al cartoccio

Il pesce al cartoccio: consigli e ricette

Tra le ricette più classiche ma al tempo stesso tra le più apprezzate c’è il pesce al cartoccio. Branzino, orata, dentice e chi ne ha più ne metta.
I tipi di cartoccio da realizzare sono tantissimi, basta essere un po’ creativi per mettere insieme gli ingredienti giusti, la tecnica però è sempre la stessa.
Vediamo insieme come realizzare un ottimo pesce al cartoccio.
 

Pesce al cartoccio

  pesce al cartoccio


INGREDIENTI

Un pesce freschissimo eviscerato, squamato e pulito -orata, branzino, dentice..-

1 limone o un bicchiere di vino bianco secco

Erbette aromatiche (prezzemolo, basilico, menta, salvia, timo)

Sale, pepe e olio evo q.b.

Carta da forno


PROCEDIMENTO

Una volta pulito il pesce, che lo facciate voi o il vostro pescivendolo, dovete inciderne leggermente sia l’interno che l’esterno.

Facendo così ci assicuriamo che la marinatura e il condimento raggiungano tutta la carne.

Preparate una marinatura fatta con sale fino, olio extravergine d’oliva e succo di limone/vino bianco -in proporzioni di circa un cucchiaio di sale, 5 di olio e due di vino-. Aggiungete a piacere aromi quali scorze d’agrume -o fette-, spezie ed erbette aromatiche.

‘Spalmate’ la marinatura sia all’interno che esterno del pesce, massaggiando bene per farla penetrare nella sua polpa.

Lasciate insaporire per circa mezz’ora poi trasferite il pesce su un foglio di carta forno. 

Prima di chiudere il pesce al cartoccio potete aggiungere verdure -pomodori, zucchine, peperoni..- e altri aromi. 

Unite i lati opposti lunghi e cominciate ad arrotolare la carta da un lato, in modo da chiudere il vostro cartoccio. 

Infornate a 175°C, forno statico, per circa 25-40 minuti in base alla dimensione del pesce. 

Controllate la cottura spostando la polpa con una forchetta, dovrà essere bianca ma ancora succosa. 

A parte potete preparare un condimento creando un’emulsione di succo di limone e olio con un pizzico di sale ed erbette. 

Una volta aperto il cartoccio si sprigioneranno tutti gli aromi di cottura, perciò eseguite questa operazione davanti ai vostri ospiti. 

pesce al cartoccio

 

Come vi dicevo le ricette sono tantissime, ma la base è sempre la stessa. 

L’importante quando si prepara il pesce al cartoccio è tenerne controllato il grado di cottura. Cinque minuti in più significano un pesce secco, stopposo, cinque in meno uno crudo. 

Per pesci medio-piccoli 25 minuti sono abbastanza, mentre per pesci più grandi siamo sui 30-40.

Tenete sempre ‘idratato’ il vostro pesce mettendo nel cartoccio una marinatura liquida, acquosa e accompagnandolo con una salsa a fine cottura. 

 

Per andare ancora più sul sicuro potete inserire una ciotola d’acqua calda in forno al momento della cottura, così che il vapore lo tenga bello umido. 

 
Per altre idee di pesce ma anche di carne consulta il nostro ricettario salato!

Se sei finito qua sul mio blog c’è sicuramente un buon motivo 😀

Il tuo sostegno è prezioso per Magna e Tes, perciò, se ti va, seguici sui Social e condividi i nostri articoli.

Puoi trovarci su Instagram, su Facebook , su Youtube, Pinterest e anche Google+. Dai un’occhiata e unisciti a noi!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle nostre ricette, sulle nostre guide di viaggio e in generale su ciò che combiniamo, iscriviti alla Newsletter di Magna e Tes. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.