Pesto di foglie di carota, una ricetta sostenibile

Finalmente ho trovato il tempo scrivervi le dosi e procedimento di una ricetta a cui tengo molto: è molto particolare, ma assolutamente anti spreco e buonissima: il pesto di foglie di carota! 

Sì, avete letto bene 😉 Useremo solo le foglie di carota, quelle che solitamente buttate via o che, addirittura, non vedete neanche perché vi vendono solo le carote.

Pesto di foglie di carota

pesto di foglie di carota

INGREDIENTI

200 g di foglie di carota

70 g di Pecorino Romano D.O.P.

70 g di anacardi o altra frutta secca -io utilizzo la frutta secca della Cooperativa Chico Mendes di Modena – 

Un pizzico di sale grosso

Olio evo q.b.

 

PROCEDIMENTO

In un mortaio o frullatore cominciate pestando le foglie di carota con un pizzico di sale grosso, questo oltre a dare sapore, favorirà la fase di rottura delle foglie.

Aggiungete quindi gli anacardi e continuate a pestare o frullare; unite anche il Pecorino e amalgamate bene. Se lo preferite potete sostituirlo con del Parmigiano Reggiano D.O.P., io con le foglie di carota preferisco il Pecorino!

Infine aggiungete l’olio extravergine d’oliva a filo, la quantità stabilitela in base alla consistenza che volete ottenere.

Il pesto si conserva in frigorifero anche per una settimana, potete addirittura metterlo in vasetti e chiuderli come una conserva! E’ ottimo con la pasta, sulle bruschette e come salsa per le verdure, il pesce e la carne.. Insomma, è buono con tutto, fa bene ed evita gli sprechi!!

pesto di foglie di carota

Se sei finito qui c’è sicuramente un BUON motivo!

Il tuo sostegno è prezioso per Magna e Tes perciò, se ti va, seguimi sui Social (Instagram, Facebook, Youtube, Pinterest) e condividi gli articoli che ti piacciono. E se hai dubbi o vuoi dirmi com’è venuta la ricetta, lascia un commento qui sotto!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato su ricette, guide di viaggio e non solo, iscriviti alla Newsletter di Magna e Tes. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.