Risotto ai mirtilli, mascarpone e polvere di porcini

Adoro preparare i risotti durante tutto l’anno, ma in estate me li godo sempre meno. Il caldo asfissiante mi toglie il piacere persino di un risotto col crudo di gamberi, così finisco per non farne più.

Quando arriva l’autunno, però, mi armo di casseruola e cucchiaio di legno e ricomincio alla grande. 

A inizio stagione, uno dei miei preferiti è il risotto ai mirtilli. Per farlo utilizzo un prodotto della mia zona, è molto speciale e la Nonna Marisa va fin sul Monte Cimone per farne scorta. 

 

Risotto ai mirtilli con mascarpone e polvere di porcini

INGREDIENTI -per due persone-

170 g di riso Carnaroli o Arborio

Una noce di burro

1/4 di cipolla bianca tritata finemente

100 g di Mirtilli neri dell’Appennino Modenese -prodotto eccezionale della mia zona: Mirtillo Nero dell’Appenino Modenese– 

1/2 bicchiere di vino bianco secco

Sale fino, pepe nero q.b.

Brodo vegetale o acqua calda q.b.

Una manciata di Parmigiano Reggiano grattugiato

60 g di mascarpone fresco

 

Per la polvere di porcini

5 g di porcini secchi

2 g di cacao amaro

Un pizzico di sale fino

 

PROCEDIMENTO 

Cominciamo a preparare il risotto: scaldiamo una casseruola antiaderente e cominciamo a tostare il riso, senza olio nè burro per ottenere un risultato ottimale. Controlliamo il grado di tostatura toccando il riso con le dita, quando sarà ben caldo potremo aggiungere cipolla e noce di burro. 

Mescoliamo per circa un minuto poi sfumiamo col vino bianco secco e lo lasciamo evaporare. 

Ora cominciamo la cottura con il brodo o l’acqua calda, un mestolo per volta a coprire il riso, senza ‘annegarlo’. Non è essenziale mescolare continuamente, basta girare il risotto di tanto in tanto e aggiungere liquido se necessario. 

A questo punto possiamo aggiungere anche una presa di sale per cominciare a insaporire il nostro risotto. 

Frulliamo i mirtilli a parte, con un po’ di brodo o acqua, e li aggiungiamo al riso solo verso fine cottura, per mantenerne le proprietà nutrizionali e il colore. 

 

Mentre aspettiamo possiamo dedicarci alla polvere di porcini per cui è sufficiente frullare i funghi con la polvere di cacao e un pizzico di sale. Teniamo da parte fino al momento dell’utilizzo. 

 

Dopo aver ultimato la cottura del risotto ai mirtilli procediamo a mantecarlo. Uniamo il Parmigiano Reggiano, un mestolo di brodo e, se necessario, un pizzico di sale. 

Assaggiamo prima di servirlo, nel caso fosse ‘un po’ troppo acido’ possiamo aggiungere un pizzico di zucchero. 

Impiattiamo il risotto ai mirtilli, lo guarniamo con un pizzico di polvere di porcini, una quenelle -o una pallina- di mascarpone fresco e il piatto è pronto!

 

Se sei finito qua sul mio blog c’è sicuramente un buon motivo 😀

Il tuo sostegno è prezioso per Magna e Tes, perciò, se ti va, seguici sui Social e condividi i nostri articoli.

Puoi trovarci su Instagram, su Facebook , su Youtube e Pinterest. Dai un’occhiata e unisciti a noi!

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle nostre ricette, sulle nostre guide di viaggio e in generale su ciò che combiniamo, iscriviti alla Newsletter di Magna e Tes. Riceverai solo un’email a settimana, ricca di interessanti contenuti da guardare e leggere 🙂

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.