Zurigo: i mercatini di Natale e la città

Tutto è cominciato circa un mese fa, con una telefonata… alle 7 e mezzo di una domenica finalmente libera.

<<Ti va di venire ai mercatini di Zurigo?!>> dall’altra parte del telefono una vocina squillante già di prima mattina. Mia sorella!

Nonostante il sonno interrotto e nessuna informazione in più su questa “trasferta” ho accettato subito! E chi non l’avrebbe fatto?

 

Guarda anche il nostro video

 

Svizzera

A quanto dicono i miei genitori ci siamo stati diverse volte, io però non ricordo nulla, perciò ho considerato questo viaggio come la mia prima volta in Svizzera.

E’ bastato vederla dai finestrini di un treno per capire quanto mi piaccia questo paese, coi suoi pro e i contro. Durante il viaggio è stata solamente una sensazione, arrivata a Zurigo ne ho poi avuto certezza. Forse per il rigore, la precisione, forse per il suo fascino o per la sua identità tra Italia e Germania.

Ho sempre avuto un debole per la Germania, ma qualcosa la rendeva un po’ “fredda” e “grigia” ai miei occhi: città molto simili fra loro, soprattutto le più moderne, grandi distanze e clima poco caloroso me l’hanno fatta apprezzare e non, allo stesso tempo.

Era necessario partire per la Svizzera per capirne di più. A Zurigo -e ora son curiosa di vedere le altre città- ho trovato il pezzo mancante del puzzle: aria di città europea. Una manciata di cultura, qualche campanile, un pizzico di romanticismo e dettagli architettonici non trascurabili. Ecco di cosa stavo parlando!

Mentre in Germania le città si sono riempite di palazzi, edifici grigi e di modernità, la Svizzera ha conservato quella innata bellezza che noi italiani ben conosciamo. E’ stato un po’ come sentirsi a casa, ho riconosciuto in Zurigo più città italiane ed europee.

 

Io e le mie compagne di viaggio, in soli due giorni abbiamo girato quasi tutta la città, tra mercatini di Natale e luoghi da vedere.

Rispetto a tante città europee, però, Zurigo non vanta una tradizione di grandi musei, luoghi simbolo e via dicendo, piuttosto una fornita varietà di chiese e campanili (che potete guardare anche passeggiando per la città). Con tanti orologi -ovviamente-!

Ecco perchè il mio consiglio è di visitarla in periodo natalizio. Vale assolutamente la pena immergersi in questa meravigliosa atmosfera di Natale, tra luci scintillanti, bancarelle e profumo di Gluwine (vin brulè); in più, cosa non da poco, potete assaporare il cibo tipico negli svariati banchetti gastronomici, senza dover spendere una fortuna per mangiare.

A noi sono bastati due giorni per vedere gran parte della città, alternando campanili, chiese e piazze ai mercatini; un giorno in più non avrebbe fatto male, ma se avete solamente il weekend a disposizione è più che sufficiente!

 

Trasporti e spostamenti: meno è meglio

Dall’Italia abbiamo viaggiato in treno, sfruttando una promo natalizia che dava accesso a sconti vantaggiosi per raggiungere le principali mete dei mercatini natalizi. Tenete d’occhio i siti di treni e aerei, quando meno ve l’aspettate spunta l’offertona!

Per quel che riguarda gli spostamenti in città abbiamo semplicemente camminato, in soli due giorni siamo riuscite a coprire quasi tutta la città a piedi. No, non siamo podiste, probabilmente la città è più piccola di quel che si pensi!

zurigo

 

Cibo: proprio un “sacrificio”

In questo weekend di mercatini abbiamo sfruttato il più possibile le bancarelle gastronomiche per i pasti: la scelta è ampia, la qualità è eccellente, non sarà una faticaccia pranzare/cenare così! Raclette, zuppe, wurstel, bretzel, kaiserschmarren, salmone affumicato e tanto altro. Con due cene, due pranzi e una colazione noi siamo riuscite ad assaggiare un po’ tutto!

Se la cosa non vi convince provate ad avvicinarvi alla vetrina di un ristorante… 46 franchi (poco più di 40€) per un piatto di pasta bastano?!

 

 

Acquisti: occhio ai prezzi!

Non vi occorrerà molto tempo prima di rendervi conto di quanto spropositati siano i prezzi a Zurigo! O meglio, di quanto siano spropositati per noi, abituati a certi stipendi, ma per uno svizzero che viaggia su salari piuttosto alti non lo sono.

Per quanto possibile cercate di evitare acquisti nei negozi, i prezzi sono folli e non avete diritto a servizi quali il reso della merce e via dicendo..

I mercatini di Natale sono magnifici, ma diciamocelo, certi oggetti si trovano anche in quelli italiani. Ciò per cui vale la pena spostarsi è l’impagabile atmosfera natalizia che respirerete, non tanto i regali da comprare!

 

Cosa vedere (oltre ai mercatini)

  • Grossmunster: il duomo della città;

dsc03340

 

  • Fraumunster: una bellissima chiesa che si affaccia su una vasta e pittoresca piazza, proprio su una riva del fiume Limmat;

 

dsc03333

  • Lindenhof: un “parco-terrazza” da cui si gode una meravigliosa vista sulla città. Si sale con una scalinata da Strehlgasse, la via dei negozi lussuosi che parte da Weinplatz (famosa per l’Hotel Storchen, dei cigni);

  • Bahnhofstrasse: la via principale, con numerose boutique in cui darsi allo shopping. Uscendo dalla stazione la si trova davanti a sè;

 

 

  • le rive del fiume Limmat: sia la destra che la sinistra meritano di essere percorse passeggiando, anche di sera quando le decorazioni natalizie danno un tocco super romantico al paesaggio;

  • il borgo medioevale (altstadt): in particolare la riva universitaria.

dsc03258

 

I mercatini natalizi a Zurigo

  • Bahnhofmarkt: il mercatino della stazione merita qualche giro appena scesi dal treno, è il più organizzato logisticamente, ma quello meno “interessante” da un punto di vista gastronomico;

  • Sechseläutenplatz, Natale dorato su Bellevue: situato sullo sbocco del fiume Limmat, è sicuramente il più pittoresco e, ovviamente, affollato. La scelta è vastissima, non vorrete più venire via. Se cercate cibo questo è il posto giusto, pieno di banchi etnici e cucine da tutto il mondo!

 

  • City-Weihnachtsmarkt, i mercatini del centro: sparsi qua e là tra Bahnhofstrasse (la via principale) e alcune laterali. Oltre a bancarelle di ogni tipo, potrete imbattervi in spettacoli quali il Singing Christmas Tree, un vero albero umano che si esibisce in cori natalizi (più o meno);

  • Weihnachtsmarkt in der Altstadt, i mercatini del borgo: super caratteristici, si dipanano tra le viuzze del borgo storico. Potete trovare bancarelle di tutte le varietà, ma vanno cercate un po’ in giro.

 


Grazie per averci letto, ci vediamo al prossimo viaggio!

dsc03288

 

 

More from Carlotta

Gnudi -gnocchi di ricotta e spinaci-

Buona domenica a voi! Sono finalmente a casa e ho intenzioni di...
Read More

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.